Copyright ©1998-2023 Aboca S.p.a.
Società Agricola P.I. 01704430519

Lingua
RINASCE IL PIÙ ANTICO ORTO MEDICO DEL MONDO

RINASCE IL PIÙ ANTICO ORTO MEDICO DEL MONDO

3-10-2017

Inaugurazione del percorso botanico-medicinale dell’Ospedale di Santa Maria Nuova.
Mercoledì 25 Ottobre 2017 (Ore 12.00) 

Nell'ambito del percorso di ricerca scientifico e culturale sul rapporto tra uomo e natura che Aboca da sempre porta avanti, si inserisce la realizzazione del percorso botanico-medicinale dell’Ospedale di Santa Maria Nuova a Firenze, in collaborazione con la Fondazione Santa Maria Nuova e con l’Università degli Studi di Firenze – Museo di Storia Naturale/sezione Orto Botanico.

Il percorso botanico-medicinale al chiostro delle Medicherie nasce con l’obiettivo di diffondere la conoscenza delle proprietà curative delle erbe nella storia e del loro ruolo nello sviluppo delle moderne scienze farmaceutiche, restituendo alla città di Firenze un luogo-gioiello di grande valore storico e sociale attraverso la rinascita del più antico Orto Medico del mondo, esattamente là dove è nato alla fine del XIII secolo.

Infatti è proprio dal primo Orto Medico di Santa Maria Nuova che è partita l’evoluzione della ricerca farmacologica, in stretta connessione con l’antica spezieria che utilizzava le piante medicinali, i “semplici”, coltivati in un pezzo di terreno adiacente alla “Croce ospedaliera”. In quello stesso terreno, ora denominato “Chiostro delle Medicherie”, è stato ricostruito oggi l’antico Orto Medico di Santa Maria Nuova.

L’operazione dunque pone l’accento sul tema del legame tra piante e salute, coniugando tradizione innovazionepassato presente, e vede oggi in Santa Maria Nuova il più antico ospedale al mondo ancora funzionante, una testimonianza forte che si lega al lavoro quotidiano di Aboca: studiare la complessità della natura per aprire nuove frontiere alla scienza per la salute e la cura delle malattie, in particolare di quelle più complesse.

Il percorso dell’Orto dell’Ospedale di Santa Maria Nuova è composto da 26 piante medicinali, le più importanti per la storia dell’uomo. Tutti gli esemplari, dagli alberi di grandi dimensioni come l’Arancio e il Melograno, fino ai più piccoli come Sedum, Mandragola e Belladonna, sono corredati da testi che ne descrivono sia l’utilizzo nella storia che l’impiego attuale in farmacologia.

Il percorso si sviluppa all’interno dell’itinerario museale di Santa Maria Nuova ed è liberamente fruibile tutti i giorni anche dal pubblico esterno.

> Scarica la locandina
> Scarica la cartolina


Clicca per ingrandire



Leggi altri articoli

INIZIA IN SPAGNA IL PROGETTO DI INFORMAZIONE MEDICO-SCIENTIFICA DI ABOCA
24-6-2016

INIZIA IN SPAGNA IL PROGETTO DI INFORMAZIONE MEDICO-SCIENTIFICA DI ABOCA

Considerati i positivi risultati raggiunti da Aboca in Spagna, la strategia dell’impresa nel paese iberico si rafforza con l’introduzione del progetto di informazione scientifica rivolta ai medici, in particolare ai medici di famiglia e ai pediatri, con la finalità di guidare la classe medica verso la conoscenza e l’impiego dei complessi molecolari naturali nella pratica clinica quotidiana.

Leggi l’articolo
Aboca tra i “campioni della sostenibilità”
4-12-2020

Aboca tra i “campioni della sostenibilità”

Un altro importante riconoscimento per Aboca da parte della rivista Forbes Italia. La nostra azienda è stata infatti inserita tra i 100 campioni della sostenibilità: i migliori esempi virtuosi di aziende italiane che hanno scelto di coniugare l’innovazione con il rispetto dell’ambiente e delle persone.

Leggi l’articolo
“CHE FINE HANNO FATTO I NOSTRI MICROBI?”: COME L’ABUSO DI ANTIBIOTICI ALIMENTA LE MALATTIE DELLA NOSTRA EPOCA
2-8-2016

“CHE FINE HANNO FATTO I NOSTRI MICROBI?”: COME L’ABUSO DI ANTIBIOTICI ALIMENTA LE MALATTIE DELLA NOSTRA EPOCA

“Che fine hanno fatto i nostri microbi? Come l’abuso di antibiotici alimenta le malattie della nostra epoca”, è l’edizione italiana dell’opera scientifica di Martin J. Blaser, edita da Aboca Edizioni, che ha riscosso molto successo e attenzione negli Stati Uniti e che Aboca ha voluto divulgare in Italia come opera attesissima.

Leggi l’articolo