News - 26/03/2020

Glifosate

In merito al recente scambio sul quotidiano “Il Messaggero” tra il Cavalier Mercati e alcuni esponenti dell’associazione SETA riguardo al diserbante glifosate, rendiamo disponibili alcuni argomenti di approfondimento.

Il glifosate, fra tutte le sostanze chimiche immesse nel sistema vivente che oggi sono pari a circa 2 miliardi di tonnellate all’anno, è il pesticida fra i più tossici e permanenti usati in agricoltura. È anche il diserbante associato all’impiego di molte specie di cereali geneticamente modificati quali la soia, il mais ed altri.

Le sostanze artificiali, quelle geneticamente modificate e quelle chimiche di sintesi e/o emisintesi, hanno un impatto in tutto il sistema vivente e nel sistema immunitario del genere umano che già si incomincia a delineare, ma che non potrà che assumere una rilevanza distruttiva nei prossimi decenni.

Viene proposta di seguito una selezione di documenti utili ad approfondire la tematica.


Il pregiudizio sul Glifosate
Articolo sul Messaggero.
Scarica il documento

Lettera personale
Lettera personale del Cav. Lav. Valentino Mercati al Direttore de Il Messaggero.
Scarica il documento

Effetti del Glifosate sulla qualità ambientale e gli organismi viventi
Nota informativa di Pietro Massimiliano Bianco, Valter Bellucci, Carlo Jacomini (Dip. Difesa della Natura, ISPRA) altri collaboratori, 2016.
Scarica il documento

Monografia 112 pubblicata dall’International Agency for Research on Cancer (Iarc), organismo internazionale con sede a Lione, il 20 marzo 2015.
Dallo studio emerge che il glifosato, il diserbante più usato nel mondo, è genotossico, cancerogeno per gli animali, e probabilmente cancerogeno per gli esseri umani.
Scarica il documento

Il glifosato: una ricerca indipendente per contrastarne gli effetti globali.
Istituto Ramazzini.
Scarica il documento

Glifosate: l’uso di un metodo analitico in un programma di monitoraggio delle acque superficiali proposto dall’ARPAT (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale delle Toscana).
Scarica il documento

L’edizione 2018 del Rapporto nazionale pesticidi nelle acque raccoglie le informazioni delle indagini svolte nel biennio 2015-2016.
Il Rapporto è stato realizzato dall’ISPRA sulla base dei dati forniti da Regioni e Agenzie regionali per la protezione dell’ambiente, con l’obiettivo di informare sulla qualità della risorsa idrica in relazione ai rischi derivanti dall’uso dei pesticidi. Oltre all’estratto qui presentato, si rimanda al sito dell’ISPRA.
Scarica il documento

Si riportano la scheda di sicurezza e l’etichetta di uno dei prodotti a base di glifosate più impiegati.
Scarica il documento

Degradazione Glifosate
Si riporta lo schema di degradazione del glifosate. Approfondimenti al sito

Scarica il documento